Misery

stephen-king-misery

 

TITOLO: Misery

AUTORE: Stephen King

PAGINE: 383

TRAMA:

Paul Sheldon, un noto scrittore, si ritira in un suo chalet tra le montagne innevate per terminare il suo ultimo romanzo. Purtroppo la sua auto finisce fuori strada e Paul, gravemente ferito, perde i sensi. Al risveglio, scopre di essere stato salvato da Annie Wilkes, un infermiera privata, che lo ha soccorso, portato a casa sua e curato, salvandogli la vita. Paul crede di essere al sicuro, ma per lui l’incubo è appena all’inizio: la donna è affetta da gravi turbe psichiche e non gli perdona di aver fatto morire nel suo ultimo romanzo pubblicato, Misery, un personaggio per la quale Annie ha sviluppato una sorta di passione morbosa. La donna impone a Paul di scrivere un nuovo romanzo, in cui Misery viene resuscitata, e sottoporrà lo scrittore ad ogni genere di tortura pur di riuscire nel suo scopo

RECENSIONE:

Capolavoro. Questa è la sola parola che si addice a questo thriller. Ancora una volta King riesce a sorprenderci, sfornando una storia che fa parte di quel ciclo che amo definire “claustrofobico e quotidiano”. Claustofobico perché la location è praticamente la stanza in cui Paul viene tenuto prigioniero da Annie; quotidiano, perché non ci sono elementi soprannaturali, né mostri, ma solo due persone, una pazza assassina ed uno scrittore cinico ed arrivista. King vuole farci spaventare dando un taglio di assoluta realtà alla storia, dimostrando che non è necessario scomodare le scienze occulte per incutere terrore, anzi, la sola possibilità che gli eventi narrati possano realmente verificarsi, al libro un aspetto ancora più inquietante. Lo stile è perfetto e scorrevole. Rispetto al film, di cui ho parlato qui, l’unica differenza sostanziale di fondo è il carattere di Paul: nel film era una vittima che lotta disperatamente per sopravvivere; nel libro è molto più avido, cinico ed arrivista (da qui il finale diverso). Per me è un capolavoro adatto a tutti, indipendentemente dal genere letterario preferito

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...